Login to SpazioD

Nuovi utenti

Se non sei ancora utente di SpazioD, registrati!
Registrati
Accedi con Google
Home tematica Forum Blog Il mio Blog
Cerca il Blog
                               mostra tutti i blogger attivi   mostra tutti i post
Torna alla home del blog
pubblicato da Administrator il 2012-10-09 10:49:00

Dall'Unione Europea una buona notizia: il Parlamento Europeo ha approvato due risoluzioni in cui si afferma la centralità della donna e il suo ruolo chiave nello spazio economico, in particolare come motore dell’economia sostenibile

Le donne sono agenti primari nella promozione di modelli di consumo più sostenibili e il loro apporto è determinante per una società che voglia essere economicamente ed energeticamente efficiente e socialmente equa.

Da Strasburgo arriva quindi l'invito a tutti gli stati membri a promuovere le pari opportunità e ad eliminare gli squilibri di genere ancora esistenti in termini di accesso al lavoro, qualifiche e reddito: introdurre sistemi di "quote", sia in politica sia nelle imprese, contrastando al contempo gli stereotipi relativi all’esistenza di lavori "femminili" e "maschili".

Sono poi da migliorare le politiche di conciliazione della vita lavorativa e familiare, attraverso adeguati servizi assistenziali, e strategie di pianificazione urbanistica e di trasporto pubblico sostenibili.

Anche dall'Italia, però, arriva qualche nota positiva. Il Ministro del Welfare, Elsa Fornero, ha firmato il decreto interministeriale che metterà a disposizione un fondo da 234 milioni di euro per incentivi le assunzioni di giovani e donne.

Il fondo sarà operativo da lunedì 8 ottobre 2012 fino alla fine di marzo 2013. La misura, che ha carattere straordinario, prevede di riconoscere ad aziende private incentivi da destinare al sostegno dell’occupazione dei giovani e delle donne.

In particolare i contributi saranno riconosciuti per contratti di lavoro stipulati con giovani di età fino a 29 anni o con donne indipendentemente dall’età anagrafica, nei seguenti casi:

- assunzioni a tempo indeterminato;

- trasformazione di contratti a tempo determinato o di collaborazione in rapporti di lavoro a tempo indeterminato;

- assunzioni a tempo determinato, relativi sempre a giovani o donne, proporzionali alla durata del contratto.

Ci sembrano segnali importanti, che fanno vedere un po' di luce in questo tempo di crisi!

 

blog comments powered by Disqus
▶ Archivio (58) ▼ Archivio (58)
▶ 2012 ▼ 2012
ULTIMI ISCRITTI
Sito patrocinato da
Fondazione Vodafone Donna Moderna