Login to SpazioD

Nuovi utenti

Se non sei ancora utente di SpazioD, registrati!
Registrati
Accedi con Google
Home tematica Forum Blog Il mio Blog
Cerca il Blog
                               mostra tutti i blogger attivi   mostra tutti i post
Torna alla home del blog
pubblicato da Administrator il 2012-11-19 10:24:53

Oggi parliamo di Dana Čandek, 24 anni, traduttrice e interprete da e verso ben 5 lingue: sloveno, italiano, inglese, spagnolo e francese. L’ultimo lavoro che ha realizzato è stata la traduzione in inglese del rapporto Restart, Italia! elaborato dalla task force sulle startup istituita dal ministro Passera. Abbiamo fatto a Dana alcune domande per conoscerla meglio e farla conoscere anche a voi.

Come hai deciso di dedicarti a questa attività?

Le lingue sono sempre state la mia passione. Non solo perché essendo nata e cresciuta a Trieste sono bilingue in sloveno e italiano ma anche perché ho sempre usato le lingue per abbattere le barriere fisiche con le quali mi scontravo (sono in sedia a rotelle dalla nascita a causa di un trauma subito al parto). Dopo aver frequentato il Collegio del Mondo Unito, una scuola internazionale non lontano dalla mia città che ospita ogni anno ragazzi di più di 100 nazionalità diverse, ho deciso di spiccare il volo. All'età di 19 anni sono partita per Edimburgo, dove mi sono laureata a pieni voti alla scuola interpreti e traduttori. Nel corso degli studi ho imparato molto bene non solo l'inglese ma anche lo spagnolo ed il francese. Il fatto di poter essere un “ponte”, di poter fare da tramite tra persone di lingue e culture diverse è qualcosa di veramente affascinante. Il lavoro di traduttrice e interprete è un lavoro in cui non ci si annoia mai!   

Oggi, con un termine solo, come descriveresti il tuo lavoro?

Direi... una sfida continua.

Cosa ritieni sia stato l'elemento più arricchente del lavoro di traduzione del rapporto “Restart, Italia!"?

La traduzione del rapporto è stata veramente una bellissima esperienza. Dal punto di vista professionale mi ha permesso di imparare tante cose nuove, specialmente per quanto riguarda la terminologia specifica del settore delle startup che ora posso dire di dominare perfettamente sia in italiano che in inglese. Nel corso del lavoro ho avuto l'opportunità di conoscere gente molto in gamba, sia esperti affermati nel mondo delle startup che giovani funzionari della tanto vituperata Pubblica Amministrazione pieni d'idee e di entusiasmo.

Cosa vorresti per il tuo futuro?

Mi auguro di poter continuare a fare delle esperienze nuove e stimolanti che mi permettano di crescere intellettualmente e come persona. Con un gruppo di amici ferrati in diverse lingue (da quelle più “comuni” come l'inglese, il tedesco, lo spagnolo ed il francese a quelle meno conosciute in Italia, come per esempio le lingue di ceppo slavo ma anche l'arabo, il cinese, il giapponese, l’ebraico e il romeno) stiamo pensando di avviare una startup che offrirebbe online servizi linguistici di vario genere, dalla traduzione alla correzione di testi, dall’interpretazione alla sottotitolazione. L'Italia è un paese troppo autoreferenziale che ha bisogno di aprirsi. Chi ha la fortuna di conoscere lingue e culture diverse può contribuire notevolmente a creare un Paese più aperto, più ricettivo e in cui ci siano più opportunità per i giovani e per chi ha voglia di cambiare.

Noi non vediamo l'ora di tradurre SpazioD in diverse lingue per poter usufruire delle grandi competenze di Dana e del suo team di startupper!

Per informazioni aggiornate su Dana ecco i suoi contatti:

linkedin: it.linkedin.com/pub/dana-čandek/5a/74b/b52

twitter: @DanaCandek

blog comments powered by Disqus
▶ Archivio (58) ▼ Archivio (58)
▶ 2012 ▼ 2012
ULTIMI ISCRITTI
Sito patrocinato da
Fondazione Vodafone Donna Moderna