Warning: Illegal string offset 'file' in /home/micocci1/public_html/cake/libs/debugger.php on line 632

Warning: Illegal string offset 'line' in /home/micocci1/public_html/cake/libs/debugger.php on line 632
Warning (2): mysql_connect() [function.mysql-connect]: Headers and client library minor version mismatch. Headers:50554 Library:50637 [CORE/cake/libs/model/datasources/dbo/dbo_mysql.php, line 561]
Blog | SpazioD

Login to SpazioD

Nuovi utenti

Se non sei ancora utente di SpazioD, registrati!
Registrati
Accedi con Google
Home tematica Forum Blog Il mio Blog
Cerca il Blog
                               mostra tutti i blogger attivi   mostra tutti i post
Torna alla home del blog
pubblicato da Administrator il 2012-09-18 14:39:34

“La differenza tra gli Stati Uniti e l’Italia? Il primo giorno in un’università italiana il direttore ha salutato gli studenti con queste parole: ‘Ragazzi, guardatevi intorno perché il 70 per cento di voi non riuscirà a passare l’anno’. Stessa scena in America, solo che il capo dell’istituto ha esordito dicendo: ‘Ragazzi se siete qui è perché siete i migliori, siete forti e siete il futuro. Guardatevi intono perché le relazioni che stringete adesso vi accompagneranno e vi sosterranno per tutta la vita’”.

In due semplici immagini l’abisso che separa due mondi del lavoro: quello italiano, che spreca le intelligenze migliori, e quello statunitense, che nonostante la crisi resta un faro per i giovani talenti dell’intero pianeta.

Lo racconta al Fatto Quotidiano Caterina Falleni, livornese di 23 anni, che ha vinto una borsa di studio presso la Nasa e si prepara ad essere uno dei prossimi cervelli in fuga tra i giovani italiani. Con il suo progetto di grande innovazione – un frigorifero che funziona senza corrente – ha bussato a molte porte in Italia, ma nessuno ha aperto. Da qui la decisione, non priva di tristezza, di emigrare.

La sua storia ha fatto il giro del web perché riaccende un dibattito mai sopito, un interrogativo che inquieta un’intera generazione e chiama la classe dirigente a dare risposte: lasciare l’Italia o restare?

Perché Caterina non è certo l’unica ad aver dovuto cercare all’estero il sostegno e i finanziamenti necessari al suo progetto. Abbiamo parlato per esempio qui di un’altra storia di successo al femminile che ha preso il volo fuori dall’Italia.

Poi basta guardare ai dati: secondo l’Istat, il 7% delle persone che hanno ottenuto un dottorato in Italia lavora all’estero. I “cervelli in fuga” aumentano, e la percentuale di laureati emigrati è oggi sette volte maggiore di quella di laureati stranieri che vengono a cercare lavoro nel nostro paese.

E non sono certo solo i laureati a cercare fortuna all'estero. Non hanno più la valigia di cartone come i loro padri e i loro nonni, ma sono giovani donne e uomini di tutti i livelli di istruzione quelli che partono.

Bisogna andare via o è giusto restare? E voi dove immaginate il vostro futuro?

blog comments powered by Disqus
▶ Archivio (58) ▼ Archivio (58)
▶ 2012 ▼ 2012
ULTIMI ISCRITTI
Warning (2): Invalid argument supplied for foreach() [APP/views/themed/spd/elements/ultimi_iscritti.ctp, line 5]
Sito patrocinato da
Fondazione Vodafone Donna Moderna