Warning: Illegal string offset 'file' in /home/micocci1/public_html/cake/libs/debugger.php on line 632

Warning: Illegal string offset 'line' in /home/micocci1/public_html/cake/libs/debugger.php on line 632
Warning (2): mysql_connect() [function.mysql-connect]: Headers and client library minor version mismatch. Headers:50554 Library:50637 [CORE/cake/libs/model/datasources/dbo/dbo_mysql.php, line 561]
Blog | SpazioD

Login to SpazioD

Nuovi utenti

Se non sei ancora utente di SpazioD, registrati!
Registrati
Accedi con Google
Home tematica Forum Blog Il mio Blog
Cerca il Blog
                               mostra tutti i blogger attivi   mostra tutti i post
pubblicato da Administrator il 2012-10-08 09:38:27

Ecco alcuni aggiornamenti sulle opportunità aperte per le imprese femminili (dal sito www.pmi.it):

A Benevento, le imprenditrici del territorio iscritte alla Camera di Commercio e che si distinguono per innovazione, originalità e creatività possono partecipare al Premio Impresa Donna. C’è tempo fino al 2 novembre. Per saperne di più…

In Piemonte si preparano nuovi strumenti a vantaggio delle imprese “rosa”. Per saperne di più…

A Como, la Camera di Commercio ha lanciato il progetto “Premio creatività femminile” per incoraggiare la nascita di nuove imprese e sostenere le piccole imprese femminili innovative. 3mila euro per l'idea imprenditoriale che si aggiudicherà la valutazione migliore, 2mila euro per la seconda classificata. Scadenza il 17 dicembre. Per saperne di più…

A tutte un buon inizio di settimana!

Post
pubblicato da Administrator il 2012-10-02 07:43:33

Per inaugurare la nuova sezione ebook vogliamo brevemente descrivervi le funzionalità.

Come abbiamo scritto nell'ultimo post, si tratta di uno spazio per l'autopubblicazione (selfpublishing): se avete un'opera che volete mettere in circolazione, potere caricarla sul sito in totale indipendenza.

Basta registrarsi e, una volta effettuato il login, andare su Pubblica un Ebook: vi verrà richiesto di inserire un'immagine del libro, un titolo, una descrizione, il prezzo e infine caricare il PDF. Potrete poi indicare le modalità di pagamento preferite: contatto diretto o PayPal.

Quali vantaggi offre SpazioD alle autrici?

1) uno spazio di visibilità in rete all'interno di un portale di sevizi integrati dedicati alle donne;

2) la possibilità di commerciare le opere attraverso un servizio di pagamenti sicuro;

3) l'ingresso in una community di scrittrici con cui scambiare idee e giudizi (ricordate che SpazioD vi dà anche la possibilità di aprire un vostro blog e lanciare discussioni sul forum?);

4) la possibilità di far conoscere il vostro libro step by step, un capitolo per volta.

Tutto questo come sempre senza alcun costo.

Speriamo di leggere presto i vostri libri!

Post
pubblicato da Administrator il 2012-09-28 15:01:20

Siamo pronte per presentarvi la nuova sezione ebook, l’area per l’autopubblicazione di libri in formato digitale su SpazioD!

Perché l’abbiamo creata? Perché vogliamo sfruttare a pieno le potenzialità della rete per la promozione dei talenti delle donne. E, tra questi, crediamo di dover dare un posto tutto per sé al talento letterario.

Quello degli ebook è un settore ancora ristretto in Italia, ma in crescita. Secondo una ricerca del Centro per il libro e la lettura, a fronte della diminuzione degli acquirenti e dei lettori di libri dell’editoria tradizionale, cresce, anche se timidamente, il numero dei lettori di pubblicazioni su supporti digitali.

Vediamo un po’ di dati: secondo la ricerca, tra il 2010 e il 2011 il numero di acquirenti di almeno un libro è diminuito del 10%, mentre il numero di lettori di almeno un libro è diminuito del 6%. Ma il dato più “preoccupante” è la diminuzione sia di acquisti sia di libri letti da parte dei cosiddetti “lettori forti” (che sono solo il 14% della popolazione italiana adulta, ma leggono per quasi il 60% del totale): i loro acquisti sono diminuiti del 20%, le loro letture del 18%.

Si tratta chiaramente di un calo catastrofico per il settore dell’editoria tradizionale, a cui concorrono diversi fattori: la crisi economica, i prezzi dei libri, ma anche la diffusione di device portatili che permettono nuovi stili di fruizione, a cui le case editrici rispondono molto lentamente e con un’offerta di letture ancora assai limitata. Basta mettere a confronto i cataloghi di ebook con quelli dei libri di carta per vedere la sproporzione.

Come scriveva qualche mese fa Gino Roncaglia su Nazione Indiana, “mentre il calo nelle vendite dei libri fisici – magari senza i picchi così concentrati che hanno caratterizzato la situazione italiana degli ultimi mesi – sta investendo in maniera diffusa tutte le principali economie industrializzate, nei paesi in cui il mercato e-book ha cominciato a svilupparsi in maniera più solida e con un’offerta più vasta e differenziata (principalmente negli Stati Uniti) la vendita di e-book – pur nell’ambito di un deciso mutamento nelle caratteristiche generali del mercato – sembra in grado di compensare il calo del cartaceo. Ma dove il mercato e-book è meno sviluppato, la perdita di lettori su carta non è compensata dall’aumento di lettori di libri elettronici. In altre parole: trovandosi davanti a un tablet come l’iPad, per il quale i libri elettronici disponibili in italiano sono ancora relativamente pochi, poco visibili, poco pubblicizzati e non necessariamente facili da acquistare e usare, l’utente si orienterà verso altre tipologie di contenuti digitali. Gli editori devono abituarsi ad affrontare la concorrenza fra libro e altri contenuti digitali all’interno dei dispositivi di lettura, e per ora non sembrano affatto attrezzati a farlo”.

Eccoci allora al dunque. Oggi l’ecosistema digitale permette non solo di pubblicare anche da sé e senza costi i propri contenuti (selfpublishing), ma di renderli disponibili a un numero crescente di lettori e lettrici che preferiscono la fruizione su tablet e reader elettronici anziché su carta, anche grazie ai prezzi più bassi delle pubblicazioni.

Sappiamo che le donne lettrici sono più dei lettori (c’è uno scarto di ben 10 punti percentuali). La scrittrici sono invece meno degli scrittori, ma non dipenderà questo anche dalle difficoltà di inserirsi in un mondo come l’editoria di narrativa, ancora fortemente caratterizzato al maschile, non solo in Italia?

Proviamo allora ad offrire uno spazio nuovo a lettrici e scrittrici. Se avete un libro nel cassetto, è il momento di tirarlo fuori!

 

Post
pubblicato da Administrator il 2012-09-26 08:12:42

A Torino questa settimana si parla di rete, comunicazione, condivisione, con moltissimi eventi in programma nell'ambito della Social Media Week. Noi siamo andate all'incontro intitolato Socialmom, mamme in rete: come la rete migliora la vita delle mamme. Il tema ci riguarda naturalmente molto da vicino, dal momento che la mission di SpazioD è proprio quella di semplificare la vita delle donne attraverso il web.

Gi argomenti affrontati sono stati moltissimi, a partire dalla presentazione del progetto Idee per Mamme, che ha coinvolto tante piccole associazioni no profit dando loro innanzitutto un contributo in termini di visibilità attraverso il sito.

Le mamme-blogger sono state le vere protagoniste dell'incontro: sempre più attive in rete, le giovani (ma non solo) mamme usano blog e social network in modo innovativo ed efficace per combattere la solitudine, condividere con altre il day by day della loro esperienza, e trovare conforto e consigli.

Per alcune, da passatempo la vita in rete si è trasformata in un impegno crescente, come hanno raccontata le ospiti dell'incontro. A cominciare dalla giornalista freelance Chiara Cecilia Santamaria - Machedavvero.blogspot.it - che si è buttata nella scrittura in rete durante la gravidanza, tre anni fa. “Sono stata una delle prime", dice: "all’epoca mi consideravano una nerd perché quasi nessuno conosceva i blog. Ora invece per molte mamme rappresentano una vetrina, e uno stimolo per migliorarsi".

Poi c'è Maria Cimarelli, che ha creato on line l'associazione http://www.workingmothersitaly.com, al fianco delle donne nell'avventura della conciliazione vita-lavoro. Altra storia quella di Cristiana Calilli, torinese, che, diventata mamma, ha prima lanciato il suo blog Centopercentomamma.blogspot.it poi ha lasciato il suo posto per dedicarsi all'e-commerce di prodotti artigianali per mamme e bambini realizzati in tutto il mondo: un successo, raggiunto però a costo di notevoli sacrifici. "Avviare un’attività in proprio”, confessa, “non è un divertimento ma comporta molti sforzi così come essere mamma e blogger… Dove trovare il tempo? Di notte. E solo se ci si appassiona si può trovare la forza di andare avanti".

Nell'incontro hanno fatto capolino anche i papà blogger, che sono ancora pochi e sono soprattutto papà separati, ma cominciano a usare il web in modo simile alle mamme. Federico Ghiglione ha raccontato la sua esperienza di Professione Papà.

C troviamo di fronte a una nuova generazione di coppie digitali? Non proprio, le coppie vecchio stile esistono ancora, ma uomini e donne si bilanciano sempre di più nell’affrontare i problemi familiari. E possono trovare supporto e conforto in una rete sempre più estesa si mamme e papà online.

Post
pubblicato da Administrator il 2012-09-25 10:20:24

Care amiche di SpazioD,

sulla nostra pagina Facebook segnaliamo ogni giorno le opportunità di finanziamento e i bandi per la creatività e l'autoimprenditorialità che troviamo in rete.

Speriamo di aiutarvi in questo modo a sviluppare le vostre idee e i vostri talenti. Seguiteci!

Ultime segnalazioni:

- Che Fare - bando per la creatività http://www.che-fare.com/

- Opportunità per l'imprenditoria femminile e giovanile in Toscana

 

Post
3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 7 of 12
▶ Archivio (58) ▼ Archivio (58)
▶ 2012 ▼ 2012
ULTIMI ISCRITTI
Warning (2): Invalid argument supplied for foreach() [APP/views/themed/spd/elements/ultimi_iscritti.ctp, line 5]
Sito patrocinato da
Fondazione Vodafone Donna Moderna